logo

Singolarità, Nuovo Umanesimo, Industria 4.0

 

Ci stiamo affacciando ad un mondo in cui inevitabilmente le «macchine» saranno sempre più integrate con l’uomo: algoritmi che sanno e prevedono, Intelligenza Artificiale che ci sfida e ci supporta, robot che collaborano e ci sostituiscono.
Ogni esperienza in ogni campo sarà accompagnata da una nuova relazione tra la natura più profonda dell’uomo e la tecnologia più avanzata.

Nel prossimo TEDxNovara proveremo ad indagare alcuni aspetti di questo tema così vasto e complesso, confrontandoci con idee provenienti da settori diversi, ma accomunate da questo filo conduttore: il nostro futuro, in delicato equilibrio tra «beats» e «bits».

28 ottobre 2017

Nuovo Teatro Faraggiana

Check in ore 14:00 – Termine evento ore 18:00

 

Speaker

Nel prossimo TEDxNovara proveremo a indagare alcuni aspetti di questo tema così vasto e articolato.

Ci aiuteranno 8 fantastici speaker, con talk da 18 minuti massimo. Ci confronteremo con idee provenienti da settori molto diversi fra loro: dalla robotica alla calligrafia, dalla medicina al genio di Leonardo Da Vinci, passando per l’infinito poetico di Leopardi e quello fisico esplorato dalla sonda spaziale Planck. In questo straordinario viaggio ci faremo ispirare dalle musiche dei theremin e da quelle di un organetto di barberia. Ma uno soltanto sarà il filo conduttore della giornata: il delicato equilibrio fra «beats» e «bits», fra il battito primordiale che ha dato l’anima all’Uomo e il prodotto della sua stessa innovazione.

Ce la farà l’Uomo a rimanere protagonista in questa incredibile sfida?

Alex Barocco

#calligraphy

Bio

Dopo aver frequentato il Liceo Artistico, si è diplomata all’Istituto Europeo di Design di Milano con una specializzazione
in illustrazione e graphic design.

Ha lavorato per molti anni come graphic designer e creativa presso alcune agenzie, ma le lettere restavano la sua grande
passione. Il gran numero di caratteri trasferibili di cui disponeva non la soddisfaceva mai interamente, così li ridisegnava fino ad inventarne di nuovi. Il computer non esisteva ancora, quindi lavorava solo con le mani, la matita, il curvilinee e la sua sensibilità.

Dal 2004 studia calligrafia e le scritture antiche, fino a maturare, oggi, l’esigenza di comunicare alle generazioni “digitali”
l’importanza della conservazione della nostra “traccia”, della grafia bella e leggibile.

Dal 2011 fa parte del gruppo di artisti calligrafi LINKS, (Parigi), partecipando a meeting internazionali itineranti
e a importanti mostre, con lo scopo di divulgare la calligrafia in tutte le sue espressioni.

www.alexbarocco.it

Salvatore Majorana

#robots

Bio

Già Direttore del Technology Transfer dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), responsabile della protezione e valorizzazione della proprietà intellettuale generata dalla ricerca scientifica di IIT, dal primo ottobre è il nuovo Direttore del Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso.

E’ stato Managing Director di una società di investimento impegnata nel settore delle PMI italiane, manager di AT Kearney e Deloitte, investment analyst per il fondo d’investimento KIWI e ricercatore presso Telecom Italia Lab (CSELT).

Tra gli incarichi attualmente ricoperti è Expert Reviewer per lo European Resarch Council e Innovation Deputy Leader della Graphene Flagship.

Salvatore si è laureato con lode in ingegneria all’Università di Catania, è stato visiting scholar a UC Berkeley (USA) e ha conseguito l’MBA dell’INSEAD (Francia e Singapore).

Mario Taddei

#genius

Bio

Laureato in design industriale, ha insegnato al Politecnico di Milano. Ha dedicato gran parte della sua attività allo studio e allo sviluppo di prodotti multimediali interattivi per la divulgazione della scienza a carattere di edutainment.

Si occupa da tempo dello studio e della ricerca riguardante Leonardo da Vinci, diventandone a livello internazionale uno dei maggiori esperti.

Ha firmato alcune scoperte e ricerche di risonanza mondiale riguardanti le macchine di Leonardo, in particolare ha scoperto nei disegni del Codice Atlantico tre automi che lo scienziato aveva progettato.

Socio fondatore di Leonardo3, mostra interattiva che consente di scoprire il vero Leonardo da Vinci artista e inventore, grazie a ricostruzioni inedite delle sue macchine e restauri dei suoi dipinti in anteprima mondiale.

OoopopoiooO

#theremin

Bio

OoopopoiooO nasce nel 2012 dall’incontro ravvicinato tra due bizzarri personaggi: Vincenzo Vasi e Valeria Sturba.

Vasi – licantropo alieno, musicista eclettico ed estroso – attivo nella scena musicale internazionale da oltre 25 anni, noto per il suo approccio unico alla sperimentazione e per le collaborazioni con Vinicio Capossela, Mike Patton, Roy Paci.

Sturba – giovane compositrice e polistrumentista arrivata sulla Terra 25 anni fa, su una piccola navicella di pandizucchero piena di strumenti colorati – attiva in progetti originali (Vale & the Varlet, S.T.U.R.B.A.) e membro della “Grande Abarasse Orchestra” di John De Leo.

Ogni performance degli OoopopoiooO è un’ esperienza di suoni e visioni, in cui è facile perdersi in atmosfere oniriche e lasciarsi cullare da suoni impalpabili, ma anche farsi trasportare dal ritmo e dalla leggerezza delle canzoni.

Lucilla
Giagnoni

#infinity

Bio

Autrice, interprete, narratrice.

Ha scritto numerosi monologhi, (Vergine madre, trasmesso Rai 2, ha vinto nel 2007 il premio Persefone come miglior spettacolo teatrale in televisione).

Come artista e ricercatrice si occupa del dialogo fra i linguaggi umani: testo sacro e scienza, fiaba e paleontologia, poesia e video gioco. I suoi ultimi lavori: Big Bang, Apocalisse, Ecce Homo, Furiosa Mente, presentati in tutti i teatri italiani.

www.lucillagiagnoni.it

Fabrizio
Villa

#bigbang

Bio

Nato a Novara, vive a Bologna, ed è un fisico sperimentale. E’ primo ricercatore all’Istituto Nazionale di AstroFisica (INAF). Progetta e sviluppa strumenti e telescopi per osservare il cielo. Non da solo – si intende – e nemmeno sensibili alla luce ‘visibile’. Il suo campo principale riguarda lo sviluppo di strumenti a microonde sia per satelliti che per telescopi a terra.

Dal 1997 ha lavorato per il progetto Planck, satellite dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA), lanciato il 14 maggio del 2009 dedicato allo studio dell’Universo primordiale. Esattamente due anni dopo (14 maggio 2011) si è sposato ma la coincidenza di date è solo casuale.

Attualmente è responsabile del laboratorio Cryowaves all’INAF di Bologna,  e gestisce per l’Italia lo sviluppo tecnologico di un nuovo ricevitore da installare presso l’osservatorio ALMA in Cile per osservare le molecole che possono originare la vita nell’Universo.

Oltre a questo è impegnato anche in attività di didattica e divulgazione, dedicandosi a progetti di tinkering principalmente indirizzati alla scuola primaria.

Felice
Pantone

#barrel organ

Bio

Tra i primi in Italia a scoprire l’organetto di Barberia, Felice Pantone calca piazze e strade d’Italia da più di trentanni, ogni giorno con nuovo entusiasmo.

Musicista eclettico, dalla sega musicale al flauto a naso passando dal tubasso dissotterrato, grancasse e piatti come da tradizione di ogni one-man-band che si rispetti, Felice Pantone è un vero artista di strada che, partendo dalla grande tradizione italiana dei cantastorie itineranti, in ogni piazza regala una storia o una musica nuova.

Gli piace sperimentare nuove forme di spettacolo e ha all’attivo inoltre diverse collaborazioni con personaggi che ne hanno segnato il percorso artistico dal palco del teatro, alla pista del circo.

https://www.facebook.com/felice.pantone

Samuela
Bozzoni

#heart

Bio

Dalla cura con cui il nonno eviscerava i suoi conigli dopo averli uccisi e dalle preghiere sottovoce della nonna, inondate dal profumo di zucchero bruciato contro i raffreddori dell’inverno, è nata la sua passione per la Medicina.

Medico chirurgo specialista in Oncologia medica, per anni impegnata nelle terapie del dolore e nelle cure palliative in ospedale e in assistenza domiciliare.

Diplomata in agopuntura e medicina tradizionale cinese presso al scuola Sowen di Milano, da diversi anni integra queste competenze con la medicina occidentale nel pensiero e nella pratica clinica con la profonda convinzione che “…il mestiere del medico, o la sua arte, è pensiero verticale, è l’uso contemporaneo di metodi diversi ed è anche buon senso. L’arte … è ascolto”. (A. Malliani)

Partner Istituzionali

Partner

Partner tecnici